ORCHESTRAZIONE RITMICA

Il progetto è rivolto alle prime classi della scuola primaria ma può servire come introduzione ad altri progetti di musica d’insieme nelle classi successive e nella  secondaria.

Con “Orchestrazione ritmica” viene proposto un percorso didattico sul ritmo a partire da un ottica interculturale, pur  assumendo come obbiettivo primario quello di apprendere i concetti fondamentali della musica occidentale. “Orchestrazione ritmica” è un titolo che ci fa immaginare un avvio pulsatorio, ritmico, una serie di colpi chiusi e aperti che promettono una stimolante azione musicale di gruppo.  Dalla prima all’ultima lezione, questo laboratorio, si concentra in maniera intensa e poliedrica sulle pratiche dell’umana pulsazione dimostrando da subito di voler esaltare quella reale dimensione della musica che è insita nella nostra corporeità, nella fisicità di tutti noi e in special modo nei giovani. È questa una particolare vitalità condivisa in tutte le culture musicali del mondo che ci conferma il valore prioritario dell’uomo nelle sue essenziali condizioni fisiche, spirituali ed emotive.

Dalla pulsazione al ritmo.

Nelle prime lezioni svolgeremo temi basilari quali le pulsazioni forti e deboli,  accenti, smorzati e silenzi. Farà seguito lo studio del solfeggio ritmico con le  mani, con il corpo (body percution) e con la voce.  Un reprtorio dove musiche e canti della tradizione bandistica, popolare europea ma anche africana dove il ritmo è particolarmente coinvolgente uniti all’animazione ritmica-musicale coreografata da gesti, movimenti e danze completeranno questa prima parte del percorso.

L’orchestra e l’imitazione.

Nella seconda parte del progetto, attraverso l’utilizzo di strumenti a percussione, cercheremo di imitare la formazione orchestrale ovvero: triangoli-violini primi, cembali-violini secondi, maracas-viole, tamburi-violoncelli.

Proponendo l’ascolto di brani classici spiegheremo come l’andamento ritmico, le pause e i respiri, il fraseggio e il dialogo fra i vari strumenti  incida sull’esecuzione. Dividendo la classe in quattro sezioni (triangoli, cembali,maracas e tamburi) insegneremo agli alunni a suonare  imitando  l’orchestra sovrapponendosi gradualmente al brano precedentemente ascoltato.

Il risultato è spettacolare. I bambini hanno l’impressione di suonare veramente con l’orchestra e questo accrese in loro il desiderio di addentrarsi alla scoperta del mondo della musica classica e degli strumenti che compongono l’orchestra.